Paesaggio / Rete

Partecipazione 2013

Dalle primarie dei candidati a quelle dei programmi. E’ l’iniziativa del Fondo Ambiente Italiano, che da oggi fino al 28 gennaio attraverso questo sito  offre a tutti i cittadini la possibilità di partecipare alla scelta delle priorità nell’ambito della cultura, del paesaggio, dell’ambiente. Linee guida che dovrebbero essere poi fatte proprie da chi si candida a guidare il prossimo governo. Al termine delle votazioni, i dati verranno infatti annunciati ufficialmente e presentati ai partiti e candidati delle prossime elezioni politiche, che potranno impegnarsi pubblicamente a sostenerli in caso di vittoria.

Ecco un estratto degli argomenti che potete votare a questo link.

NON 1 DI MENO: QUOTA MINIMA 1% DEI SOLDI PUBBLICI PER LA CULTURA

01. NON 1 DI MENO: QUOTA MINIMA 1% DEI SOLDI PUBBLICI PER LA CULTURA

CHI TOCCA IL SUOLO MUORE: STOP AL CONSUMO DEL PAESAGGIO

02. CHI TOCCA IL SUOLO MUORE: STOP AL CONSUMO DEL PAESAGGIO

03. IO NON DISSESTO: PIANI CERTI PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO

03. IO NON DISSESTO: PIANI CERTI PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO

04. IO CENTRO: DIFENDERE I CENTRI STORICI

04. IO CENTRO: DIFENDERE I CENTRI STORICI

05. BASTA LEGGI MANCIA, PIANI TRIENNALI PER LE RISORSE DELLA CULTURA

05. BASTA LEGGI MANCIA, PIANI TRIENNALI PER LE RISORSE DELLA CULTURA

AGRI-CULTURA: PIU’ LAVORO E BENESSERE A KM ZERO

06. AGRI-CULTURA: PIU’ LAVORO E BENESSERE A KM ZERO

Ma non solo il FAI è impegnato nel fare partecipare i cittadini alle decisioni. Ho ricevuto da Rete Civica di Milano questo comunicato. “Umberto Ambrosoli, candidato alla Presidenza della Regione Lombardia per
le elezioni del 24-25 febbraio, ci ha chiesto di progettare, realizzare e gestire una piattaforma dedicata alla raccolta delle proposte dei cittadini per costruire il programma di governo della regione Lombardia.
Abbiamo quindi realizzato il sito  utilizzando, accanto ad un ambiente di supporto openDCN che ben conoscete, il software LiquidFeedback che costituisce il cuore della piattaforma. Abbiamo scelto di adottare questo software che permette a un singolo cittadino di formulare una proposta, che viene poi arricchita da altri e infine votata per verificare se raggiunge un significativo consenso. Solo in questo caso verrà considerata per essere inserita come articolazione del programma. Sono quindi i cittadini stessi che formulano ed “eleggono” le proposte da sottoporre al canditato Presidente e alla sua coalizione perché le considerino nell’articolazione del programma.

Ma anche i montiani per non essere da meno hanno creato la loro soluzione partecipativa.

A proposito guardate questo report.  Definendo le tipologie di persone in base alla lettura di quotidiani online e all’uso di Internet per discutere e informarsi di politica emergono 4 tipi:

  • Cives.net: coloro che leggono quotidiani online e discutono e si informano di politica in Internet
  • Infonauti: coloro che leggono quotidiani online
  • Internauti: usano Internet ma non leggono giornali online nè discutono e si informano di politica in Internet
  • Offline: cittadini che non utilizzano Internet

Elettori In Rete

Sembrerebbe che la correlazione tra essere del Movimento 5 Stelle e seguire la politica in rete non sia casuale. Non è che gli altri soggetti politici stiano affannandosi a coprire un gap in cui sono palesemente in ritardo?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s