Paesaggio / Scuola

02.5 PIL

02.5 PIL #seme #decrescita

A post shared by Pacher Amanda (@pacheramanda) on

La scuola primaria Jigme Losel  nella capitale del Bhutan, Thimphu, è un tripudio di verde. Le piante coprono la maggior parte delle superfici e sono accatastate precariamente su pareti e scale. Sulla parete dell’orto dietro la scuola un cartello dipinto a mano  dice: “Lascia che la natura sia il tuo maestro.”

“E ‘diventato il nostro slogan non ufficiale,” Choki Dukpa, che è a capo dell’istituto a Jigame Losel dal 2005, dice. “Vogliamo che la natura sia ovunque i bambini sono. La maggior parte del nostro paese è  montuoso, ma qui in città penso che i bambini possono sentirsi disconnessi . È il nostro modo di portare l’esterno all’interno dell’ambiente scolastico.”

Negli ultimi tre anni, Dukpa ha messo l’ambiente al centro di tutti gli insegnamenti e delle attività in questa scuola primaria molto attiva. “La sostenibilità ambientale e la natura è ormai essenziale per il nostro modo di insegnare qui,” dice lei.

Dalla fine del 2009, in Bhutan si sta sperimentando un nuovo approccio alla formazione. Il programma Green Schools for Green Bhutan è parte del tentativo del paese di integrare i principi del suo modello rivoluzionario chiamato Felicità Interna Lorda (FIL)  a tutti i settori della politica pubblica.

Dal 1971, questo piccolo stato himalayano ha respinto l’idea di progresso e di prosperità indicata dalla misurazione del solo PIL , e ha deciso di governare attraverso l’uso di un indice di FIL – basato su quattro pilastri: sviluppo dell’equità sociale , tutela del patrimonio culturale, conservazione dell’ambiente e promozione del buon governo.

Nel 2009, alla conferenza Educating for GNH   è stato annunciato che i suoi principi, in particolare il pilastro della conservazione ambientale, sarebbe stato integrato nel programma di studi nazionale per rendere “l’apprendimento più rilevante, riflessivo e in linea con le pratiche sostenibili”.

Green schools non è riferito solo all’ambiente, è piuttosto una filosofia, con la quale stiamo cercando di infondere un approccio mentale più verde, flessibile e aperto a diversi tipi di apprendimento,” Singh Thakur Powdyel, ministro dell’istruzione del Bhutan , dice . “E ‘ un approccio alla formazione che nasce dalla convinzione che l’istruzione dovrebbe riferirsi non solo ai risultati accademici, ma dovrebbe essere in grado di espandere le menti dei bambini e insegnare ciò che significa essere umani – e in prima linea di questo c’è la conservazione dell’ambiente naturale. ”

La scuola elementare di Thimphu ha un giardino comune di verdure e insegna ai bambini delle competenze di base del mondo agricolo. Ogni classe ha il suo albero da curare e giardino fiorito da far crescere. Vi è un sistema destinato a riciclare tutti i materiali usati per la scuola e la scuola è una comunità “green clean” , infatti i bambini, la mattina, devono pulire la loro scuola con scope che hanno costruito partendo da bottiglie riciclate e ramoscelli.

I bambini durante il giorno sono tenuti a  pregare, a meditare e ad impegnarsi al lavoro di comunità.

Oltre all’ambiente anche  il pilastro del FIL, relativo alla conservazione culturale, sta particolarmente a cuore al governo che vuole contrastare ciò che considera il decadimento dell’identità nazionale negli ultimi anni. I bambini a Jigme Losel ascoltano la musica  e le storie tradizionali, e sono educati ai “valori del Bhutan”.  Incurante delle critiche ad alcuni obblighi, imposti per rispettare le tradizioni culturali  (in ambienti pubblici ufficiali bisogna indossare abiti tradizionali),   il ministro dell’istruzione del Bhutan crede che “una forte identità nazionale … dovrebbe essere tramandata di generazione in generazione”.

Tuttavia, le aule ben fornite e gli orti di Jigame Losel sono ben lontani dalla realtà della vita scolastica di molti bambini bhutanesi. Il paese ha fatto notevoli progressi nel conseguimento del diritto all’istruzione primaria per tutti i bambini. Nel 1960, solo 500 bambini erano inscritti nelle 11 scuole del Bhutan. Lo scorso anno erano 170 mila i bambini che frequentavano i corsi nelle 650 scuole primarie del paese.

Eppure il Bhutan sta ancora lottando per avere insegnanti, per non parlare dei sistemi di riciclaggio, in molte delle sue scuole situate in regioni montane isolate e povere. “La geografia del Bhutan implica che molti bambini sono molto isolati,” Bishnu Bhakta Mishra, responsabile dell’istruzione dell’Unicef  in ​​Bhutan, dice. “La fornitura di un’istruzione di qualità è ancora un grosso problema per il paese.”

L’Unicef in ​​Bhutan ha collaborato con il governo a far decollare l’iniziativa Green schools. L’agenzia sta cercando di lanciare, a livello nazionale un programma di formazione degli insegnanti, iniziativa che ritiene indispensabile per tradurre gli alti principi del programma in azioni concrete da fare poi nei cortili delle scuole e nelle aule.

“Siamo coinvolti nella sfida di fornire risorse a 8.000 insegnanti”, dice Mishra. “L’attuazione a livello di scuola è ancora un grosso problema, e senza una formazione sappiamo che è davvero quasi impossibile. L’idea è geniale, ma sappiamo anche che significa un sacco di lavoro in più per gli insegnanti, e noi non stiamo ricevendo nessuna risorsa aggiuntiva da parte del governo.

“Non ho alcun dubbio sul fatto che una generazione di  laureati con mentalità FIL sarebbe un enorme vantaggio per il paese, ma ci vorrà del tempo prima di vedere se davvero funziona.”

L’articolo “Lascia che la natura sia il vostro maestro’: il Bhutan porta la sua conservazione in classe”  lo trovate in lingua inglese su  The Guardian dove potete anche trovare un’interessante  galleria fotografica.

Green schools - Bhutan puts sustainability on the curriculum – in pictures

Advertisements

One thought on “02.5 PIL

  1. Pingback: Come si mangia nel mondo – ortomondo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s